Rating legalità: l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato assegna il massimo punteggio a Euro&Promos multiservizi

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha assegnato il massimo del punteggio nel rating legalità alla società multiservizi Euro&Promos di Udine. Su novemila aziende italiane sottoposte al controllo da parte dell’AGCM solo 666 attualmente hanno ottenuto il punteggio più alto.

Si tratta di una riconferma per la società tra i leader in Italia nel settore, guidata dall’amministratore delegato Alberto Tavano Colussi, che dal 2017 ottiene il massimo del punteggio in questa valutazione, tre stelle.

Il rating di legalità premia le imprese che agiscono secondo i principi della legalità e della trasparenza. Questo strumento, introdotto in accordo con il Ministero dello Sviluppo Economico nel 2012, è volto alla promozione e all’introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale e, più in generale, del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business.

Il punteggio viene misurato in “stelle” da un minimo di una, l’azienda rispetta la legalità, a un massimo di tre, l’impresa in esame va oltre gli obblighi di legge ed ha altri sei requisiti fondamentali, tra cui l’essere dotata di un organo di controllo (legge 231 del 2001), la presenza di acclarati sistemi di Corporate Social Responsibility fino all’adesione a codici etici di categoria.

“Questo risultato è la conferma di un lavoro iniziato alcuni anni fa sul fronte della trasparenza. C’è un aspetto etico della nostra professione che riteniamo fondamentale per operare correttamente internamente e con i nostri partner pubblici ma anche privati. Sono valori su cui si basa il lavoro quotidiano di ognuno di noi”. Spiega l’ad.

Euro&Promos che opera nel comparto del facility management ha recentemente diffuso i dati del bilancio semestrale che confermano una crescita sia in termini di fatturato, con una crescita del 37,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sia in termini occupazionali con un aumento sul 2020 di quasi 300 collaboratori.