Parco del Mare. La pandemia non ferma sviluppo del Fvg

Trieste, 20 nov – “Proprio in fasi drammatiche come quella che
stiamo vivendo per la situazione dovuta alla pandemia è il
momento di non fermarsi e anzi di crederci e di guardare al
futuro e alla creazione di nuove occasioni di sviluppo per il
Friuli Venezia Giulia: ecco perché il progetto del Parco del Mare
ha il supporto della Regione”.
È il punto saliente del videomessaggio che il governatore del
Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga ha inviato alla
presentazione, che si è tenuta oggi nella sede della Camera di
commercio della Venezia Giulia, del progetto del Parco del Mare,
con l’illustrazione generale del rendering e delle
caratteristiche generali dell’opera, di cui si prevede la
realizzazione entro la primavera del 2024.
A rappresentare nella Sala Maggiore l’istituzione regionale
l’assessore alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti. “Il lockdown
a marzo scorso – ha spiegato Roberti – ha causato un doppio
rammarico perché la città di Trieste stava vivendo una grande
fase di sviluppo. Ma quelle potenzialità non sono cambiate e
quando la mascherina che indossiamo sarà solo un brutto ricordo
le sfide di sviluppo che oggi stiamo cogliendo ci permetteranno
di guardare di nuovo a un futuro di crescita”.
“Il progetto del Parco del Mare vive oggi una giornata
significativa – ha osservato Fedriga – e offre l’immagine di un
Friuli Venezia Giulia che crede nelle sue potenzialità”.
“Accanto alle misure concrete di sostegno che la Regione offre
nel presente alle imprese colpite dalla pandemia e che saranno
accresciute nell’imminente legge di stabilità – hanno osservato
Fedriga e Roberti – dobbiamo continuare a guardare avanti e a
supportare iniziative come il Parco del Mare, progetto che si
presenta come un’opportunità di sviluppo economico e di
rigenerazione di un’area fondamentale di Trieste e che oggi è
reso possibile dal coinvolgimento dei privati e dal lavoro in
sintonia di tutte le istituzioni”.